giovedì 26 gennaio 2017

UN SOSTEGNO AI TERREMOTATI

Qualche giorno fa, dopo una prima comunicazione informale, abbiamo inviato al Sindaco la nostra proposta di destinare i gettoni di presenza dei consiglieri comunali ad associazioni impegnate nell'assistenza o ricostruzione delle zone terremotate del Centro Italia. Di seguito la lettera protocollata.


venerdì 29 luglio 2016

A CHI CONCEDERE SPAZI E STEMMA DEL COMUNE?

Domenica 31 luglio è in programma una cosiddetta "Festa della famiglia" dal titolo "Giù le mani dai nostri figli!" patrocinata dal nostro Comune e da altre amministrazioni limitrofe.

Nell'ultimo consiglio comunale abbiamo così presentato una richiesta di chiarimento sulla concessione del patrocinio ad un'iniziativa che prevede come unico intervento quello di un segretario di partito "Il popolo della famiglia" (soggetto politico promosso da Gandolfini e Adinolfi) su un tema molto importante senza prevedere alcun contraddittorio! 
Inizialmente l'evento prevedeva anche uno spettacolo pagato da tutti i cittadini di Polpenazze: questa manifestazione è stata poi anticipata a venerdì 29 luglio su richiesta, a quanto apprendiamo, della compagnia teatrale stessa.
Dopo un attimo di silenzio, il Sindaco ha comunicato che risponderà per iscritto alla nostra richiesta.

Il gruppo Comunità Viva invece pensa e ribadisce che il patrocinio e lo stemma del nostro Comune debbano essere utilizzati per promuovere attività di carattere generale e non di parte!

Soprattutto dopo che lo stesso Sindaco con la stessa maggioranza 5 annI fa ha vietato l'uso ai partiti politici e ai gruppi civici locali l'uso della Sala Consiliare (unico spazio disponibile per incontri pubblici). Per qualcuno neanche un tavolo, per altri lo stemma del Comune!!

Di seguito trovate il testo completo della nostra richiesta.



mercoledì 4 maggio 2016

LA LUNGIMIRANZA DI UN RIFIUTO

Come si può leggere dall'articolo di seguito è importante, ambientalmente ed economicamente vantaggioso recuperare aree industriali dismesse (e magari più servite da infrastrutture) rispetto alla creazione di nuove aree industriali che potrebbero avere più conseguenze negative che benefici diretti a tutti i cittadini.

Corriere della Sera - inserto Brescia